Servizio clienti+386 1 512 18 25

Parametri di ricerca

Dugi otok (It. Isola Lunga)

Dugi otok (It. Isola Lunga)

Dugi otok (It. Isola Lunga)

Dugi otok, Bozava, un luogo d’incontro di persone, natura e monumenti d’interesse culturale, Hotel Dugi otok, Dalmazia Centrale, Croazia



Isola Dugi
Questa è la più grande delle isole dell'arcipelago di Zadar (it. Zara) con una superficie di 144,44 km2, la lunghezza della riva del mare è di 179,75 km con undici insediamenti rivolti verso la terraferma e un ripido lato sud-occidentale che volge verso il mare aperto.

Le parti più attraenti per i turisti sono quelle sudoccidentali e occidentali dell'isola. Telescica nel sud-ovest è stato proclamato parco naturale ed è, sia per il rilievo che per la geologia, una parte del Parco Nazionale Kornati. La parte occidentale è rinomata per la località turistica di Bozava, la spiaggia sabbiosa chiamata Sakarum e il faro di Veli Rat che domina l'intera area. Sali (it. Sale) è una città turistica e di pescatori ed è la sede amministrativa dell'isola. La linea di traghetti Zadar - Brbinj collega Dugi Otok con la terraferma.

Circa 1500 abitanti vivono sull'isola in 12 villaggi (Bozava, Sali (it. Sale), Zaglav, Zman, Luka, Savar (it. Sauro), Brbinj, Dragove, Zverinac, Soline, Verunic, Veli rat). La strada che collega tutti i luoghi dell'isola offre una vista magnifica. L'isola è ben collegata con la terraferma da traghetti e navi veloci.

Ogni luogo su Dugi otok ha la sua festa. L'edonismo e la cultura mediterranea insieme alle caratteristiche specifiche dei diversi luoghi, come le corse di asini, la danza popolare Kolo, gli spettacoli teatrali e concerti musicali nell'ambiente dell'architettura isolana, rendono realtà anche i sogni più incredibili.

Storia

Dugi otok, Bozava è un luogo d’incontro di persone, natura e monumenti d’interesse culturale. Sull'isola ci sono incredibili pozze d’acqua accumulata che si possono trovare in tutti i luoghi sull'isola di Dugi Otok e assomigliano ad antichi teatri. Non stupitevi di vedere resti di monumenti del Paleolitico - resti di tombe, tumuli di pietra del periodo illirico o di epoca romana: Villa rustica a Mala Proversa.
L'isola di Dugi Otok fu menzionata per la prima volta nella metà del X secolo dall'imperatore bizantino Costantino Porfirogenet, che ne fa riferimento nella sua opera De administrando imperio, con il nome di Pizuh. Inoltre, all'inizio dell'XI secolo l'isola fu chiamata Insula Tilagus in documenti scritti e quel nome fu conservato nel nome della baia-insenatura, oggi: parco naturale Telascica.

L'isola era abitata già nell’antichità, come confermato dagli scavi archeologici di Krševanje polje e Veli Rat, risalenti all’età antica e media della pietra (paleolitico e mesolitico). Sull’isola si trovano resti di insediamenti illirici (Omišenjak, Koženjak, Veli Brčastac ...) con o senza rovine di un castello (Vrtlaci), ci sono anche numerosi tumuli (Gominjak, Čuh polje ...) e un cimitero in pianura (Dugo polje).
Numerosi resti sparsi di frammenti in ceramica, monumenti minori (sarcofagi, monumenti votivi) e resti di fabbricati agricoli (villa rustica) testimoniano l'esistenza del periodo antico. Tra questi, un'attenzione particolare deve essere rivolta al complesso agricolo di Mala Proversa, nonché al monumento votivo dell'Età dell'Impero di Euhemer in onore della Dea Diana che indica l'esistenza di una tenuta imperiale nella zona del lago Žmanjsko jezero.

I periodi paleocristiano e preromanico sono rappresentati dalle numerose chiese, molte delle quali ben conservate, come la chiesa di San Pellegrino a Savar (it. Sauro).
Per quanto riguarda l'architettura abitativa secolare ci sono esempi ben conservati del periodo tra il XVI e il XVIII secolo. Questi edifici risalenti al manierismo e al barocco danno un contributo prezioso all'architettura secolare e insulare della città di Zadar (it. Zara).


Parco Naturale di Telascica
Parco naturale Telašćica. Il parco naturale Telašćica nella parte sud-est di Dugi otok insieme con 13 isole e isolotti circostanti, crea una meravigliosa armonia della natura su 70,5 mq.
Offre il contrasto di baie tranquille e aspre scogliere, un lato con il complesso boschivo dei pini marittimi e la macchia di agrifoglio e l’altro lato con i nudi terreni rocciosi, l'area di campi coltivati, i vigneti e uliveti e quella dei pascoli rocciosi. La sua vegetazione mediterranea è composta da oltre 400 specie di piante, molte rare ed endemiche.
Sostanzialmente tre fenomeni differenziano il Parco Naturale Telascica:
• La baia di Telašćica, uno dei porti naturali più belli e più grandi dell'Adriatico. Ci sono 6 isolotti e scogliere all'interno della baia e 25 piccole insenature lungo la costa di 69 km. È un ancoraggio attraente per molti diportisti.
• Le scogliere dell'isola di Dugi otok, localmente chiamate Stene”, che si ergono fino a 200 m sul mare e che cadono verticalmente per 90 m verso il mare. Qui nidificano un gran numero di specie di uccelli, come il Falco peregrinus e il Falco eleonorae.
• Il Lago Salato Mir, con il fine fango grigio curativo, è la residenza della specie endemica di anguilla chiamata Kajman.

Grotta Strašna peć - apertura 1° luglio 2006.
Fu menzionata per la prima volta nel 1898 nel giornale Il Dalmata e in un articolo del dr. Luka Jelic in ILLUSTRIERTE ÖSTERREICHISCHE RIVIERA - ZEITUNG nel 1904 divenne popolare e i turisti iniziarono a visitarla.
Fu visitata dall’imperatore Francesco Giuseppe che rimase affascinato dalla sua bellezza e fece allestire la grotta con un cancello di ferro all'ingresso, e 2 lanterne e inoltre venne costruita una scalinata verso il mare. Oggi la grotta è trascurata e non ha un percorso di avvicinamento. Il comitato turistico e il consiglio locale stanno cercando di rivalutare questa attrazione.
Il suo ingresso è a 70 m di altezza sul livello del mare ed è formato da calcari stratificati di conchiglie fossili del Cretaceo. Dopo l'ingresso che molto probabilmente si è sviluppato quando una parte del soffitto è crollata, il canale inizia a scendere (nella prima parte) prima leggermente e poi diventa sempre più ripido verso il fondo pieno di blocchi rimasti interi.

Bozava
Un piccolo porto nella parte nord-orientale dell'isola Dugi otok. Le rovine delle fortificazioni sono datate al periodo degli illiri. Božava viene menzionata come Bosane in documenti scritti per la prima volta nel 1327.

Sebbene gli abitanti di Božava siano agricoltori e pescatori che lavorano duramente, la maggior parte di essi sono coinvolti nel turismo. Potete trovare alloggio in appartamenti privati o in hotel, e siete anche i benvenuti nel nostro porto sportivo. La gentilezza dei nativi, così come la lunga tradizione nel turismo sono la garanzia di un piacevole soggiorno.


VACANZE CROAZIA - OFFERTA SUPERIORE

Sciare 2020 - Kranjska Gora

sconto -15 %

sconto -15%

FIRST MINUTE - 15%

20.12. - 29.2.2020

affitto

altro>

Hotel Biševo

sconto -20 %

sconto -20%

FIRST MINUTE - 10%

estate 2020

mezza pensione

altro>

Hotel Croatia - Cavtat

sconto -15 %

sconto -15%

FIRST MINUTE - 10%

estate 2020

mezza pensione

altro>

Case mobili - campeggio Strasko

sconti -2 %

sconti -2%

FIRST MINUTE - 2%

estate 2020

affitto

altro>